Tag

, , , , , ,

474f4cdd4383ff91fd1d98bcb039d93b_XL

Trovata bottiglia con messaggio: “Oste, portacene un’altra”

Cramiro Dragone, un noto sconosciuto disoccupato di Gramellà, in provincia di Grollino, era stanco della sua vita anonima e povera, e ha deciso di prendere in prestito l’identità del suo vicino di casa, ricco imprenditore nel campo della prostituzione minorile.

Si è così creato un profilo Facebook a nome del vicino (che per omertà chiameremo Pradello Grugnante, ovvero il suo vero nome), e con quello ha cominciato a tacchinare a destra e a manca. Tra le sue conquiste, tutte virtuali, anche una donna dietro al cui profilo si nascondeva in realtà un capitano della Guardia di Finanza.

Quando lei (ovvero il capitano della GdF) ha chiesto un appuntamento, lui si è presentato ed è stato arrestato per evasione fiscale multimiliardaria, sfruttamento in nero della prostituzione minorile, alopecia e rutto fetido. Quando ha cercato di spiegare la situazione, il Grugnante ha detto di aver sempre pagato le tasse e che quell’uomo, sfruttando la sua identità, ha commesso nella realtà i reati a lui attribuiti.

Il Dragone, ora, verrà processato per le accuse sollevate, anche grazie ai centinaia di testimoni pronti a giurare, via sondaggio su Facebook, che l’uomo che hanno conosciuto è proprio l’uomo che hanno conosciuto. Il capitano della GdF, intanto, è in cerca di nuove conquiste dopo la delusione amorosa.

Annunci