Tag

, , , , , , ,

Capra-veloce-570x300

“Pedala Heidi, pedala!!!”

Clamorosa protesta delle arachidi di tutto il mondo. L’oggetto del contendere è la nomea con la quale vengono indicate dappertutto, in una curiosa inversione della semplificazione del nome. E la battaglia si preannuncia lunga e aspra.

Secondo l’ANAL (Associazione Noccioline Americane Legalizzate) infatti, la nomea di “noccioline americane” rappresenta da una parte una generalizzazione inutile, dall’altra un chiaro tentativo di creare disparità tra le noccioline. “Se un uomo di colore si chiama Azuz e uno bianco si chiama Mario” dice Pietro Scollato, presidente ANAL “li chiamate Azuz e Mario, non uomo bianco e uomo negro. Lo stesso vale per le arachidi, che si chiamano arachidi e non noccioline americane“.

Il ragionamento fila e anche l’Accademia della Crusca si è espressa in merito: “Si chiamano arachidi, semplificando si dice noccioline americane. In realtà non si semplifica niente e si sprecano caratteri inutili. Chiamatele arachidi, oppure chiamate il vino “succo d’uva fermentato”, capre!“.

La pietra è lanciata, siete pronti a nascondere le mani?

Annunci