Tag

, , , , , , ,

image

Botte da orbi: se non la vedi hai problemi di vista. O di alcool.

Il comitato organizzatore del Premio Strega non si ferma più. Dopo aver introdotto un concetto ancora ristretto di bibliodiversità, accettando i piccoli editori, adesso è voluta andare oltre. E le novità per l’edizione dell’anno prossimo si preannunciano sconvolgenti.

Parletto Comanda Color, presidente dell’associazione, svela un particolare innovativo: “Dall’anno prossimo, oltre ai libri pubblicati dai piccoli editori, abbiamo deciso di introdurre anche i libri non pubblicati da editori e autori inesistenti“. La novità incuriosisce e non poco, per cui abbiamo voluto approfondire.

Secondo la bozza di nuovo regolamento, sarà possibile partecipare allo Strega anche con un’idea di libro, o un progetto di casa editrice. In pratica si punta al futuro. “Chiunque abbia in mente di aprire una casa editrice deve avere il diritto di partecipare” dice il Comanda Color “E noi non lo fermeremo. Basta mandare 500 copie della copertina e una sinossi e la partecipazione sarà garantita“.

Alla novità potrebbe aggiungersi presto anche la possibilità, per i futuri genitori, di iscrivere il feto fin dall’età di 4 settimane dall’inizio della gestazione. E gli ebook? “Gli ebook cosa sono?” chiede Comanda Color.

Annunci