Tag

, , , , , ,

sindrome-di-Bridezilla-300x284

“Ti amo alla follia” e si sposa in camicia di forza.

Pinuccio Scaldaforno, ex barista e attuale collaboratore di giustizia, ne ha per tutti. Dopo essere stato arrestato per duplicazione immonda di cappuccini creativi, ha deciso di rivelare tutto ciò che sa sulla faccenda e quel che ha detto non lascerà indifferente nessuno.

Infatti, secondo lo Scaldaforno, le foto dei cappuccini che circolano su Facebook con scritte, disegni, e in generale creazioni artistiche, sarebbero tutti dei fake, dei falsi. “Noi baristi abbiamo un’app che ci permette di fotografare il cappuccino appena fatto, che fa schifo da quanto è brutto, e modificare, pixel per pixel, la superficie degli stessi” dice il pentito.

A questo punto la procura ha deciso di allargare l’indagine alle foto di pranzi, dolci, cene e merende circolanti su Facebook per fare chiarezza una volta per tutte. “Io non so delle altre cose, sono barista” dice Scaldaforno “o meglio lo ero. Ma non ce l’ho fatta a tenermi dentro questo maledetto segreto. Stavo anche per farla finita“.

Intanto lanciamo, su richiesta del procuratore Dravisio Esterno, un appello: “Baristi, auto denunciate questa truffa e non vi sarà fatto niente. Lo Scaldaforno avrà immunità totale, la stessa che spetterà anche a voi, insieme a un’identità nuova come garzoni della macelleria di Stato“.

Annunci