Tag

, , , , , , , ,

003-orso-grigio

Science: se si lava un panda a 90 gradi stinge.

Aveva una regolare licenza per furto di polli, di qualsiasi taglia e razza. Ma è voluto andare oltre. P.G. (Pierandronello Gugliato) è stato così denunciato all’Ordine dei ladri per esercizio abusivo di professione e sospeso dall’Albo con effetto immediato per un anno.

Tutto andava bene, la sua attività rendeva e non c’era crisi. Anzi, la gente per risparmiare ha cominciato ad allevare polli in casa e lui aveva un mercato in continua crescita a cui attingere. Ma un errore gli è stato fatale e adesso, per un anno, non potrà più rubare un pollo.

Sono entrato in un pollaio, era buio, ho preso un pollo per la cena e sono andato via, lasciando anche il mio biglietto da visita come sempre. Ma a casa mi sono reso conto dell’errore: era una gallina. Sono tornato indietro per effettuare il cambio di merce ma era troppo tardi e la polizia era già stata chiamata“.

Queste le sue parole contrite. Però l’avvocato promette battaglia: “Secondo la normativa CEI 2043/2013/222/fategirare/43 non è possibile tenere insieme nello stesso luogo polli e galline. Bisogna dividere le due tipologie per permettere ai ladri di esercitare in piena sicurezza la professione. C’è stato un errore del mio cliente ma c’è un errore più grande a monte. Chiederemo l’assoluzione. Oltretutto era tornato a fare il cambio, e come da normativa italiana ha sette giorni per resitutuire la refurtiva rubata per sbaglio“.

Intanto il proprietario del pollaio non vuole sentire ragioni: “Io le galline le tengo nella casupola con su scritto galline. Lui è entrato di proposito per rubare galline. Non c’è alcun errore, c’è solo dolo“.

Al giudice l’ultima parola.

Annunci