Tag

, , , ,

cane

Mi son mangiato un canguro, ma era ancora vivo.

Inconcepibile dichiarazione del senatore De Maio che, stufo di tutti questi nomi che si fanno in giro, ha voluto dire la sua e spiegare allo stesso tempo la mancanza di un nome proveniente dal Movimento 5 Stelle.

Punto primo: sono chiacchiere e pinzillacchere. Dobbiamo occuparci di cose concrete, come le meduse volanti, le sirene e tante altre cose di cui non so niente. Punto secondo: noi non parteciperemo al gioco dei nomi perché noi siamo un partito-non partito serissimo, con un non-statuto e pure un non capo. Noi siamo uno per uno, quindi undici. Punto terzo, e ultimo punto: ma che ce ne frega a noi se bisogna nominare il nuovo presidente de La Repubblica? Sbaglio o è un giornale privato? Perché ce ne dovremmo occupare noi? Aprite gli occhi!“.

Le dichiarazioni hanno preoccupato tutto l’ambiente. Si prospettano nuove epurazioni e allontanamenti volontari, ma Grillo non si scompone: “Noi dobbiamo uscire dall’euro, non di testa. Mandate a casa Di Maio che dobbiamo parlare“.

Purtroppo l’ultima dichiarazione ha creato un piccolo caso diplomatico interno, in quanto sul blog si sono messi tutti a cercare il sondaggio per l’epurazione di Di Maio, sperando di potergli fare le scarpe. Grillo ha quindi dovuto precisare: “Comprate DVD, libri, click su bannerino, vaffanculoooo“.

Annunci