Tag

, , , , , , , , ,

040120131785

Cose che avrai in casa e di cui ti vanterai

Era la sua ultima richiesta, quella di essere seppellito con il suo smartphone. Così Ginolando Decuius, deceduto la settimana scorsa a seguito di un incidente domestico, è stato accontentato. Quello che stupisce, però, è il dato relativo alla durata del funerale.

Infatti la messa funebre è durata tre quarti d’ora, nella norma, ma una volta che il corteo è giunto al piccolo cimitero di Francavalle in Culoalmondo, parenti e amici del Decuius si sono trattenuti per ben 46 ore di fronte alla tomba dell’uomo.

Il motivo? Semplice, il Decuius aveva fatto formale richiesta, poco prima di morire, che citiamo testualmente: “Quando morirò, e sarà ormai a breve, voglio essere seppellito con il mio smartphone“. Ottenere un posto a terra, piuttosto che nei loculi, è stato relativamente semplice. Più difficile, invece, riempire il fosso dopo aver calato il feretro.

Infatti, nonostante il suo smartphone fosse un modello da 7 pollici, quindi tra quelli grandi, usarlo per buttare giù la terra ha richiesto parecchio tempo. Purtroppo però le ultime volontà dell’uomo erano chiare. “Se avessimo potuto usare almeno un tablet, o un laptop, avremmo fatto più in fretta, ma purtroppo ha chiesto che si usasse il suo smartphone e basta” così don Nafranca, parroco di Francavalle in Culoalmondo.

Annunci