Tag

, , , , , , ,

356270

“Mi spieghi il problema agente, adesso uno non può farsi il bagno nella propria vasca da bagno?”

Piccola odissea per la signora Anselma Caciocavalla, povera pensionata di Borgo a Porcocan, paesino della maremma maiala. Resasi conto di non aver pagato l’IMU, ha utilizzato il suo smartphone per accedere al conto corrente per effettuare il saldo dell’imposta.

Ma vuoi il sole sullo schermo, vuoi i tasti troppo sensibili, la donna ha pagato, a fronte di un’imposta di 200 euro, la somma di due milioni di euro, ovvero l’importo che la donna si è ritrovata in meno sul conto.

Appena si è accorta del fatto ha presentato regolare ricorso al comune, ricorso che è stato preso in carico dal sindaco in persona. Giandomenico Mastronatale, cinquantenne bergamasco, ha infatti risposto alla donna di aver notato l’increscioso incidente e di aver provveduto immediatamente a prendere le necessarie contromisure.

Ora sono in vacanza, ma se e quando ritornerò provvederò di certo alla restituzione del maltolto” ha detto l’uomo. Il tesoriere comunale conferma che sul conto corrente pubblico non ci sono più i soldi versati in eccesso dalla donna, e anche che il sindaco è ormai irreperibile da giorni, dopo aver acquistato a spese pubbliche un biglietto di sola andata per le Mauritius e venduto al doppio del suo valore, al comune, la sua casa di Borgo a Porcocan.

Annunci