Tag

, , , , , , , , ,

28889_495102837191436_152715586_n

Nuovissime tisane al mestruo essiccato.

Dopo che Garnier ha mandato prodotti per la cura del corpo e cosmetici alle soldatesse israeliane, per protesta contro tale iniziativa una famosa ma non meglio precisata industria alimentare italiana ha mandato interi pallet di scorte di cibo agli abitanti della striscia di Gaza.

Ma, a conferma della confusione che regna sulla questione palestinese, la nota industria alimentare (non meglio precisata, che d’ora in poi chiameremo NIANMP) ha inviato tonnellate di mortadelle, salami, salsiccie, wurstel, prosciutti, cotechini, zamponi, porchette, stinchi di maiale, bresaole e soppressate. Tutto a base di maiale.

Certa di un grande ritorno mediatico, la NIANMP ha predisposto la diretta della consegna della merce con una telecamera nascosta, per montare poi un video da utilizzare a scopo pubblicitario. Purtroppo però, l’unico pezzo che ci è stato possibile visionare, rappresenta i musulmani di Gaza che insultano pesantemente la NIANMP nella loro lingua, per poi lasciarsi andare a un italianissimo “Vaffanculooooo!!!“.

MAsini ha dichiarato: “Anche a Gaza mi conoscono. Chiederò la cittadinanza onoraria“. Gli fa eco Flavia Vento: “Anche io voglio diventare una gazzosa!!!“.

Annunci