Tag

,

one-direction-canada3-550x402

“Le dita dove sta scritto 220 volt? Sicuri?”

La ricetta di questo mese (e anche dei mesi precedenti) è uno sfizioso piatto tutto al vegetale. Involtini con cavolo verza, la cura per chi vuole disintossicarsi dalla carne senza rinunciare al sapore succoso dei muscoli di cadavere animale.

Gli ingredienti sono semplici, dosi per quattro persone.

Per gli involtini: otto foglie di cavolo verza, un pizzico di sale, mezza cipolla, yogurt, mezzo pomodoro secco, olio EVO pro.

Preparare le foglie di verza sbollentandole per due minuti in acqua bollente leggermente salata. Scolatele e fatele scolare. Fate sfreddare. Nel frattempo preparare il soffritto: due cucchiai di olio EVO pro (Olio sintetico Evolution Professionale per motori a quattro tempi), scaldatelo e aggiungete il pomodoro secco e la cipolla sminuzzati. Appena imbiondiranno aggiungere lo yogurt quindi mantecare per un minuto e fare raffreddare.

Per il ripieno: due chili di carne macinata mista, maiale e manzo.

Riempire le otto foglie di verza con otto polpette di carne macinata cruda e una presa di sale, chiudeteli con una fascetta in acciaio a vite, quindi posarli sulla padella e accendere il fuoco tenendolo basso. Coprire con un coperchio. Dopo dieci ore i vostri involtini saranno perfettamente rosolati e pronti per l’assaggio.

Consigli: prima di mangiarli, svitate la fascetta in acciaio, qualcuno potrebbe trovarla indigesta. Servite tiepidi con contorno di speck affumicato e prosciutto asciutto. Non consumare dopo la mezzanotte.

Annunci