Tag

, , , , , , ,

SAVIANO-532x400

Saviano è un rettiliano, ecco la prova: qui tenta di scaccolarsi la terza narice dimenticandosi di avere la maschera da umano.

Tempi di vacche magre per l’industria alimentare italiana, e come dice il detto che stiamo inventando sul momento, “Quando la vacca è magra mangia i suoi simili”. Bene, superato l’imbarazzo per un inizio un po’ catastrofista, proseguiamo.

Risale agli anni ’80 la pubblicità della Rio Mare quando lo spot affermava che il tonno fosse così tenero che si tagliava con un grissino. Ripresa negli anni in varie versione, affermava comunque la tenerezza del loro prodotto mettendolo in paragone sleale con un altro prodotto: il grissino. Anni di tentativi hanno poi convinto la Rio Mare a cambiare la pubblicità, perché il grissino, in tutti i casi, si spezzava.

Ma parlavamo di vacche magre. Infatti i l’Adusbleff ora accusa la Barilla di fare grissini mosci, incapaci di tagliare un tonno tenerissimo. La Barilla per dimostrare che invece ce li hanno sempre duri, ha fatto causa alla Rio Mare, accusandola di produzione di tonno eccessivamente stopposo, minando indirettamente e tramite pubblicità ingannevole il buon nome dei suoi grissini.

La causa si preannuncia lunga e costosa, in quanto la Rio Mare pare volersi difendere adducendo la prescrizione, mentre la Barilla intende seguire la linea dura puntando al fatto che la pubblicità è rimasta nell’immaginario collettivo e i tentativi di tagliare il tonno con i suoi grissini continuano tutt’ora.

Annunci