Tag

, , , , , , ,

ombra

Tranquillo amore, la macchina l’ho messa sotto un grosso albero, all’ombra, così non si rovinano i sedili in pelle.

Guglielmo d’Arancione, pescatore dilettante alle prime esche, ieri mattina ha lasciato la moglie a casa dicendo: “Vado a pescare, ho letto su internet come si fa. Facilissimo. Prepara il fuoco per la grigliata”.

Purtroppo, però, l’uomo è tornato a mani vuote, a tarda notte, in condizioni pietose. Gli abiti stracciati, tutto sporco e senza pesci. La storia raccontata da d’Arancione è terrificante, vi lasciamo le sue parole perché noi fatichiamo a parlarvene.

Stavo tornando dopo aver preso trenta orate da un chilo l’una, venti spigole da un chilo e mezzo, tre cernie da tre chili l’una, un marlin blue da 150 chili e tre piovre giganti, ma sono stato aggredito, malmenato, legato, rapito e rubato tutto il pescato, tranne questa trota da 22 grammi” ha detto tirando fuori un pesciolino dalla tasca.

Ma una domanda della moglie, Marianbianca Sticazzi, ha messo in dubbio la veridicità della storia: “Ma non eri andato a pescare al lago?“.

Annunci