Tag

, , , , , ,

16102012885

Una delle macchine più belle mai costruite: quella dietro la Duna.

Si è stancata e un giorno ha preso le sue cose per scomparire dalla vita dei suoi cari, dei suoi amici e, soprattutto, di tutti quelli che la prendevano per il culo. Saralaica Ballarò, ragazza ventiduenne acqua e sapone, ha lasciato una lunga lettera d’addio che i genitori, in lacrime, non hanno voluto mostrare alla stampa.

Tutto è iniziato subito dopo la pubertà. Lei, al contrario delle coetanee e delle compagne più piccole, non ha mai voluto abbandonare il suo modo d’essere acqua e sapone. Piano piano però le angherie nei suoi confronti sono diventate vere e proprie persecuzioni. Nonostante fosse molto paziente, a sentire i genitori e gli amici, alla fine anche lei ha detto basta.

Infatti i compagni (ma anche i genitori e parenti tutti, stando alle voci del quartiere) avevano preso l’abitudine di infilare una cannuccia in culo a Saralaica per poi fare le bolle di sapone. E lei non ne poteva proprio più.

Chi l’ha visto non sa dove sbattere la testa, parenti e conoscenti non sanno come fare le bolle di sapone.

Annunci